immagine tablet immagine mobile

SuperScienceMe e l’inesauribile risorsa della scienza

Le edizioni 2022 e 2023 della Notte della Ricerca calabro-lucana avvicinano le nuove generazioni alle discipline scientifiche

Le sfide piacciono a SuperScienceMe, sono la sua ragione di vita. E nelle prossime due edizioni della Notte della Ricerca saranno quelle di motivare le giovani leve a creare forme più belle, sostenibili e inclusive di convivenza, in un contesto sociale dove il tasso di abbandono scolastico è superiore alla media UE e dove solo il 44 per cento di studentesse e studenti intraprende un'istruzione superiore.  
Research is an inexhaustible (re)source of inspiration to make Europe better for the next generation” è il messaggio che la supereroina punta a veicolare alle nuove generazioni, in particolare a chi non ha facile accesso all’istruzione o è meno incline a impegnarsi nei campi STEAM, durante le edizioni 2022 e 2023 della Notte della Ricerca di Università della Calabria, Università Magna Graecia, Università Mediterranea, Università della Basilicata, CNR e Regione Calabria.  
Il cuore del progetto è rappresentato dalle iniziative - dal titolo Researchers at Schools - che si dipaneranno nelle scuole, che rappresentano il “teatro” e, dunque, il privilegiato target delle attività di SuperScienceMe. I ricercatori delle istituzioni promotrici della manifestazione scientifica incontreranno le studentesse e gli studenti delle scuole urbane, suburbane e rurali, di ogni ordine e grado, delle due regioni per illustrare le cinque EU missions (Climate Change, including Societal Transformation; Cancer; Healthy Ocean, Seas, Coastal and Inland Waters; Climate-Neutral and Smart Cities; Soil Health and Food) su cui il progetto è incentrato.  
SuperScienceMe intende supportare le scuole nello sviluppo di una didattica scientifica capace di proiettare le nuove generazioni verso un futuro nella ricerca. La popolazione studentesca giocherà un ruolo attivo, da protagonista, in Researchers at School; infatti l’approccio che sarà utilizzato con le scuole è quello fondato su reciprocità e progettazione partecipata.